sabato 15 luglio 2017

Pagãos, Paganismo e trapaça religiosa

Nós vivemos em uma sociedade de imbecis, vivemos em uma sociedade de trapaceiros.

Não me interessam as divisões entre "mundo da cultura" e "mundo popular". O que significa isto: a cultura sabe que o tal Jesus nunca existiu, mas que, por outro lado, deve calar-se porque com Jesus os comportamentos dos indivíduos são controlados, embora com Jesus as vidas dos indivíduos são roubadas de modo a tornar dificultosa a existência de cada pessoa?

Significa que a isto chamamos de trapaça.

Nessa trapaça, a vítima é destituída da possibilidade de organizar a sua existência de uma maneira diferente, porque é obrigada a permanecer na dimensão da fé, que é legalizada pelas pistolas da Polícia apontadas para as cabeças dos cidadãos e cidadãs, em nome do crucifixo.

Isto vale também aos Pagãos.

O termo "pagão", usado no campo religioso, era o insulto que os cristãos usavam para definirem os habitantes das regiões que ainda não haviam se submetido à conversão do cristianismo. Não era um termo que os cristãos usavam para definir os Estoicos, os Neoplatônicos e os Céticos. Estes eram considerados como tais, enquanto os habitantes das regiões praticavam o culto aos Deuses num relacionamento com o mundo em que viviam. Aqueles habitantes encontravam os Deuses ao redor deles e não em um espaço psíquico, que afluía na patologia de um delírio por um deus criador.

Com a tradução por parte de Ficino, dos textos filosóficos gregos, difundiu-se a voz de que esses textos eram Pagãos. A estes não havia importância saberem que Fílon de Alexandria (e quem junto com ele) confeccionou o cristianismo usando a Apologia a Socrates, o Timeu e a República de Platão.

Esses pedintes encontram em Platão, desse modo, uma consonância com o catecismo católico que haviam estudado durante a infância, e então se propagam como Pagãos e adotam Platão, pelo Timeu e pela A República, ignorando, portanto, que Platão era somente um déspota criminoso equiparando-se a Jesus, em sua criminalidade. Esses mendigos elevam Platão à categoria de papa dos filósofos.

Para serem Pagãos é necessário voltarem às origens do culto de Roma, antes, evidentemente, da chegada dos Platônicos ao círculo dos Cipiões. Para serem Pagãos é necessário retomarem Hesíodo em sua Teogonia. Para serem Pagãos necessário se faz elaborar o pensamento específico da Religião Pagã, e assumir a responsabilidade por essa elaboração.

De outro modo são apenas palhaços, como aqueles do Parlamento Mundial das Religiões que tem o escopo de ajudar católicos, protestantes, ortodoxos, islâmicos, hebreus e budistas a estuprarem (com uma lavagem cerebral) crianças em nome do deus assassino deles.

Nós, como Pagãos, não somos Platônicos: por quê devemos aceitar um sistema religioso que torna o homem um escravo de um deus que se apresenta como proprietário de tudo, bem como da hierarquia que o representa?

Somente os covardes que se intitulam Pagãos e que se referem às ideologias da onipotência e do domínio, como os cristãos, são os que podem apoiar a ideia de um deus-patrão, e da sua respectiva hierarquia, que dominam o homem. Os outros é que são os Pagãos que assumem a responsabilidade de construir a Religião Pagã, estes sabem que a religião é um instrumento com o qual o homem enfrenta as contrariedades da vida e, portanto, elaboram o seu pensamento religioso em atenção à construção do futuro do Homem.

Por este motivo não existe uma conciliação entre as ideologias. As ideologias, de ambos os lados, não podem se congraçar. Não existe harmonização entre uma ideologia, que tende a transformar o homem em um escravo, e uma ideologia que tende a remover os grilhões que estão impedindo a evolução do Homem.

Não existe conciliação entre um rato de laboratório que suporta o bisturi, daquele que atua na vivissecção, com esse seu executor cruel. Não há conciliação entre as pessoas torturadas e os torturadores da santa inquisição. Não pode haver reconciliação entre meninos violentados e os padres que os violentou.

Não existe aliança entre a monarquia absoluta do Vaticano, a tirania de Platão de um lado, e a República Democrática específica da ideologia dos Pagãos.

Claudio Simeoni

Traduzido por Dante Lioi Filho

-* FEDERAÇÃO PAGÃ *

A Religião Pagã. As ideias, modos de ver os Deuses e a vida, a percepção do divino e a atividade religiosa da Federação Pagã. Os Seres Humanos não estão rodeados por "objetos", mas esses "objetos" são Deuses que, da mesma maneira como os Seres Humanos, fazem planos e se preparam para o futuro a caminho da eternidade.


SÁBADO, 15 DE JULHO DE 2017

Pagani, paganesimo e truffa religiosa

Noi non viviamo in una società di imbecilli, viviamo in una società di truffatori.
Credere, obbedire e combattere, appartiene
all'ideologia cristiana, non a quella
Pagana.

A me non interessano le divisioni fra “mondo della cultura” e “mondo popolare”. Che significa che: la cultura sa che il Gesù non è mai esistito, ma deve tacerlo perché con Gesù si controllano i comportamenti degli individui rubando loro la vita e rendendo difficoltosa l’esistenza?

Si chiama truffa.

Dove il truffato viene privato della possibilità di organizzare in maniera diversa la sua esistenza costringendola in una dimensione fideistica che viene legittimata dalle pistole che la Polizia di Stato punta alla testa dei cittadini in nome del crocifisso.

Questo vale anche per i Pagani.

Il termine “pagano”, usato in campo religioso, era l’insulto che i cristiani usavano per definire gli abitanti dei paesi che ancora non si erano convertiti al cristianesimo. Non era un termine che i cristiani usavano per definire gli Stoici, i Neoplatonici o gli Scettici. Questi erano Neoplatonici, Stoici, Scettici mentre, gli abitanti dei paesi praticavano il culto degli Dèi in relazione al mondo in cui vivevano. Incontravano gli Dèi attorno a loro e non in uno spazio psichico che sfociava nella patologia delirante del dio creatore.

Con la traduzione da parte di Ficino dei testi filosofici greci si è diffusa la voce che quei testi fossero Pagani. Non frega nulla a costoro sapere che Filone d’Alessandria (e chi con esso) ha confezionato il cristianesimo usando l’Apologia a Socrate, il Timeo e La Repubblica di Platone.

Questi pezzenti trovano Platone così assonante al catechismo cattolico, che hanno studiato nell’infanzia, da spacciarsi come Pagani che usano Platone, dal Timeo a La Repubblica, ignorando che Platone era solo un despota criminale al pari di Gesù di cui Platone è uno dei papà filosofici.

Se si vuole essere dei Pagani, è necessario tornare alle origini del culto di Roma prima dell’arrivo dei Platonici al circolo degli Scipioni. Se si vuole essere dei Pagani è necessario riprendere Esiodo della Teogonia. Se si vuole essere Pagani è necessario elaborare il pensiero proprio della Religione Pagana e assumersi la responsabilità di questa elaborazione.

Altrimenti si è solo dei pagliacci, come quelli del Parlamento Mondiale delle Religioni il cui scopo è quello di aiutare cattolici, protestanti, ortodossi, islamici, ebrei e buddisti a stuprare bambini in nome del loro dio assassino.

Noi come Pagani non siamo Platonici: perché dovremmo accettare un sistema religioso che renda l’uomo schiavo di un dio padrone e della gerarchia che lo rappresenta?

Solo i codardi che chiamano sé stessi Pagani e che si riferiscono a ideologie di onnipotenza e di dominio come i cristiani possono appoggiare l’idea di un dio padrone e di una gerarchia che domina l’uomo. Gli altri, i Pagani che si assumono la responsabilità di costruire la Religione Pagana, sanno che la religione è uno strumento con cui l’uomo affronta la vita e, pertanto, elaborano il loro pensiero religioso in funzione della costruzione del futuro dell’uomo.

Per questo motivo non esiste mediazione fra ideologie. Le ideologie non possono mediare. Non c’è mediazione fra un’ideologia che tende a trasformare l’uomo in schiavo e un’ideologia che tende a rimuovere gli ostacoli che impediscono lo sviluppo dell’uomo.

Non c’è mediazione fra un topo di laboratorio che subisce il bisturi da parte del vivisezionatore col suo aguzzino. Non c’è mediazione fra le persone torturate e i torturatori dell’inquisizione. Non c’è mediazione fra i bambini stuprati e i preti stupratori.
Non c’è mediazione fra la monarchia assoluta del Vaticano, la tirannia di Platone da un lato e la Repubblica Democratica propria dell’ideologia dei Pagani.


Claudio Simeoni

martedì 11 luglio 2017

Il mito e la tirannia sociale

Per capire da dove nasce la tirannia in contrapposizione alla democrazia è necessario ricorrere agli autori antichi che, usati dai cristiani, sono stati presi  pretesto per distruggere la vita degli uomini.

Quando dei racconti dei poeti Isocrate scrive:

E (i poeti) hanno detto sugli stessi Dèi cose tali quali nessuno oserebbe dire sul conto dei nemici; infatti non solo imputano a loro furti, adulteri e di aver lavorato al servizio di uomini, ma inventano sul loro conto anche divoramenti di figli, evirazioni di padri, incatenamento di madri e numerosi altri misfatti. Non pagarono la giusta pena per questo, ma non la scamparono in verità impuniti, bensì alcuni di essi andarono raminghi e privi di sostentamento quotidiano, altri divennero ciechi, un altro trascorse tutta la vita in fuga dalla patria e in lotta contro i propri familiari; Orfeo, invece, che si eera più di ogni altro dedicato a questo tipo di racconti, terminò i propri giorni sbranato.

Tratto da: Orfici, testimonianze e frammenti, nell'edizione Otto Kern, Edizione Bompiani a cura di Giovanni Reale edizione 2011.

Quando i poeti vengono ridotti alla narrativa e le immagini ridotte a dati di realtà fattiva, del Mito non rimane nulla.

Se non si comprende che Crono, il Tempo, nasconde dentro di sé i figli finché il mutamento consente il passaggio dalla potenza alla manifestazione, è solo uno che si mangia i suoi figli.
Se non si comprende che il passaggio dalla potenza alla manifestazione è un atto di volontà e che un atto di volontà può essere rappresentato simbolicamente solo con un gesto violento di liberazione o di contenimento, significa che della vita non solo non hai capito nulla, ma stai facendo un gioco sporco che ha nel tiranno, che vuole "mettere ordine in questa violenza", l'intento della negazione della vita.

Quando all'immagine di Zeus che libera dal Tempo, sia il Mare Fecondo, la vita della Natura, la sua rappresentazione, la libertà e l'intelligenza progettuale (nell'ordine: Poseidone, Hera, Estia, Demetra e Ade) mettendoli a fondamento della vita razionale, si sostituisce il padrone che dice "sia la luce" e si pretende che questa aberrazione, il padrone della luce, sia il fondamento del presente, altro non si fa che legittimare la tirannia e la distruzione delle società civili.

L’interpretazione del mito rivela le intenzioni dell’uomo e le intenzioni criminali messe in atto nella società vengono precedute da giustificazioni i cui contenuti sono insulti agli uomini, alla loro vita e ai loro principi esistenziali, sia sotto forma di satira che di pura diffamazione o calunnia.


Se non si reagisce alla calunnia, alla diffamazione specialmente quando questa è travestita da satira, poi arrivano le stragi e i delitti contro i calunniati e i diffamati: questa è la pratica dei cristiani che ha in Platone e i Gesù i mandanti delle stragi degli ultimi 2000 anni.

Claudio Simeoni

mercoledì 10 maggio 2017

I tesori che cerchiamo

Alla ricerca dei tesori perduti.
Sapevano che in quella casa c’era un tesoro.

Il vecchio ne parlava spesso prima di morire.

Ora che era morto valeva la pena di cercarlo, se non altro per pagare il funerale.

Pezzo dopo pezzo, demolirono la casa e, infine, trovarono il tesoro.

Era una mezza bottiglia di grappa che il vecchio teneva nascosta sotto un mattone dietro al letto.

Il dottore gli aveva proibito di bere. Questo a lui, moribondo, avrebbe nuociuto alla salute.

Lui, però, custodiva gelosamente il suo tesoro e ogni volta che ne parlava gli si illuminavano gli occhi.

I suoi eredi hanno trovato il suo tesoro e ora cercano di vendere quella casa semidiroccata per raccogliere qualche soldo.


Claudio Simeoni

giovedì 27 aprile 2017

L'ideologia nazista, cristianesimo e paganesimo

Esistono solo due ideologie filosofiche
o religiose. Un'ideologia che rende l'uomo un
oggetto di possesso e un'ideologia che
pensa all'uomo come un soggetto di diritto.
E' difficile far capire che al mondo esistono solo due sistemi ideologici. Di solito le persone si identificano col comando sociale e il comando sociale produce molti sistemi ideologici per fissare il proprio potere e questo fa credere che ci siano molte ideologie, diverse fra di loro.

In realtà non è così. Se assumiamo il punto di vista degli uomini, delle persone, esistono solo due tipi di ideologie: una che rende gli uomini sottomessi, obbedienti e schiavi e un'altra ideologia che spinge affinché l'uomo esca dalla sottomissione e dalla schiavitù.

Le due ideologie sono in perenne conflitto e ogni volta che l'uomo, come abitatore della società, conquista degli spazi di libertà o di diritto, subito l'ideologia della sottomissione interviene per riportarlo nello stato di schiavitù o, quanto meno, a ricondurlo nel recinto dell'obbedienza.

L'ideologia della schiavitù e della sottomissione la chiamiamo cristianesimo, ebraismo o nazismo e l'ideologia che spinge alla libertà dell'uomo la chiamiamo PAGANESIMO.

Che cos’è il liberalismo?

E’ un’ideologia frammista di principi ideologici cristiani, ebraici e nazisti il cui scopo è distruggere il divenire dell’uomo in funzione di un ordine sociale che fa dell’uomo una preda da controllare e usare per i propri scopi.
Quando il liberalismo non funziona per controllare l’uomo, è sufficiente accentuare alcuni elementi del liberalismo per trasformarlo in nazismo o in fascismo. Questo vale anche per le ideologie religiose. Il cristianesimo è esattamente uguale all’islam, all’ebraismo, al buddismo e a molte forme di induismo.

Sono ideologie che trasformano l’uomo in un oggetto. Un oggetto posseduto che deve essere costretto ad obbedire e ad essere felice nell’obbedienza.

Quando nelle società nascono forme di democrazia che tendono garantire diritti alle persone, nascono organizzazioni mafiose che, detenendo aspetti istituzionali del potere, impediscono, giocando sulle interpretazioni, che quei diritti siano pienamente applicati e fruiti dai cittadini.

Che cos’è la monarchia se non una dittatura in nome del dio padrone cristiano?
Esistono le pulsioni di libertà dell’uomo e queste pulsioni, comunque siano veicolate, spingono al cambiamento e il cambiamento del presente in funzione del desiderio che quelle pulsioni spingono, si chiama PAGANESIMO.

Se preferite, si chiama libertà dell’uomo da quanto nel presente ne ostacola l’esistenza.

Pertanto, non deve stupire se i pagani indicano nell’ideologia nazista ogni ideologia, religiosa e sociale, che di fatto fa del possesso dell’uomo, il fine della sua esistenza.


Claudio Simeoni

domenica 19 marzo 2017

Stregoneria e cristianesimo nella filosofia

Lo Stregone percepisce il mondo
diversamente dal cristiano
Un sistema filosofico è utile solo nella misura in cui le persone ne avvertono la necessità.

Quando le persone si chiedono il perché delle cose nella realtà in cui stanno vivendo, allora, e solo allora, i sistemi filosofici hanno un senso.

Noi viviamo in un sistema sociale in cui tutto, a livello sociale (non mi riferisco alla cultura universitaria e oltre) tende ad essere appiattito e semplificato all’interno di una comprensione precostituita nei soggetti.

Le cose sono così perché…. E il perché sorge nell’individuo prima di chiedersi che “le cose sono così perché…”. In questo meccanismo la risposta ha preceduto la possibile domanda e stoppa, di fatto, la ricerca di una diversa risposta.

Un insegnante, un poliziotto, un magistrato ha già una possibile risposta a quanto gli si presenta. Ha già spiegato il meccanismo perché immagina che il meccanismo risponda alla sua personale esperienza. Solo quando il meccanismo della realtà si pone davanti all’insegnante, al poliziotto o al magistrato con sufficiente forza emotiva, allora la ragione, l’esperienza fagocitata del poliziotto, dal magistrato o dall’insegnante si ritrae per un attimo lasciando spazio a delle possibilità di diverse risposte a quelle sollecitazioni.

Questo meccanismo, che è il meccanismo della formazione della conoscenza, viene annichilito dall’educazione cristiana che fa delle risposte di verità del suo dio il fondamento dogmatico della propria dottrina mentre, al contrario, viene alimentato e ampliato dalla Stregoneria che fa della modificazione continua della conoscenza  e del conoscere la crescita dell’individuo che passando di “verità” in “verità” costruisce una propria visione del mondo che si adatta ad analizzare ogni realtà che si presenta.

Va da sé che se in un ipotetico momento iniziale si hanno due individui, uno cristiano che fa della verità del suo dio la risposta ai suoi interrogativi e un altro individuo che pratica Stregoneria che fa dell’analisi del presente e delle contraddizioni arte del suo vivere e delle proprie trasformazioni, dopo un certo tempo, le visioni del mondo saranno talmente diversificate che questi due individui non avranno più nessun punto d’incontro.

Gli individui si modificano. Anche il cristiano, che crede che il suo Gesù sia la verità, si sta modificando costruendo forti barriere fra sé e il mondo che gli permettano di confermare a sé stesso che Gesù è la verità negando, di fatto, ogni fenomeno che metta in discussione tale verità. Il cristiano si modifica separandosi dal mondo e dalla realtà finendo per praticare la violenza nei confronti del mondo che non accetta di certificare la verità che lui manifesta.

La modificazione della conoscenza del cristiano va verso la negazione della realtà e del reale. Nega l’esistenza dei problemi che manifestano i fenomeni e nega le intenzioni degli uomini che manifestano i fenomeni per adattarle a ciò che egli vuole siano le intenzioni degli uomini.

Per contro, chi pratica Stregoneria articola il suo pensiero aprendosi al mondo e fagocitando continuamente nuove soluzioni e nuovi fenomeni fino a diversificare e articolare in maniera sempre più complessa la sua idea del mondo e della vita.

Quando le due persone interpreteranno i medesimi fenomeni sociali, avranno due visioni diverse del medesimo fenomeno.  Mentre chi pratica Stregoneria interrogherà il fenomeno, il cristiano stuprerà il fenomeno per adattarne il significato all’idea imposta dal suo dio padrone.

Il caso più classico è quello di Galilei: per il cristiano la terra non doveva girare attorno al Sole perché la verità del suo dio affermava che era il Sole che girava attorno alla terra. I cristiani hanno stuprato Galilei per costringerlo alla loro idea del mondo.

Per questo motivo le mani dei cristiani grondano di odio sociale e del sangue di tutti i genocidi che hanno commesso nella storia in nome e per conto del loro dio padrone: compresi i delitti in famiglia che i cristiani mettono in atto in Italia oggi per imporre la famiglia cristiana contro i bisogni esistenziali degli uomini.

Un sistema filosofico serve solo quando gli uomini ne avvertono la necessità. Altrimenti, continuano a credere nell’assurdo.

Claudio Simeoni

venerdì 17 marzo 2017

Filosofia e sopravvivenza

In un mondo in cui le persone sono costrette a sopravvivere, le uniche persone con cui parli sono quelle che vivono sulle spalle di chi tenta di sopravvivere e, l'unica visione del mondo che ti si presenta, è quella di chi vive sulle spalle delle persone che tentano di sopravvivere.
Per questo l'unica possibilità di una filosofia che faccia breccia fra le persone è un tipo di filosofia che dica a quelle persone come vivere meglio sulle spalle di chi sopravvive.
Solo gli illusi possono pensare che chi sopravvive possa aver consapevolezza della necessità di una visione generale dell'esistenza, una filosofia, che permetta loro di progettare un'uscita dalla mera sopravvivenza.
Eppure, le persone che hanno visioni della trasformazione del presente, anche se queste visioni non vengono prese in considerazione perché le persone a cui servirebbero sono troppo tese a sopravvivere, devono continuare ad alimentare la loro visione perché questa rappresenta, sempre e comunque, l'unica possibilità per il mondo che verrà.
Claudio Simeoni

martedì 14 marzo 2017

Rito dell'Equinozio di Primavera 2017

Persefone torna alla luce
I riti religiosi sono le caratteristiche di una religione.

Il rito riassume gli intenti della religione e permette alle persone di quella religione di esprimere la qualità del loro essere nel mondo.

I riti di una religione rappresentano la manifestazione pubblica di quella religione.

La Federazione Pagana celebra l’Equinozio di Primavera.

La celebrazione avverrà sabato 25 marzo 2017 dalle ore 18.00 in poi (si prevede che il tutto terminerà con la solita pizza del dopo rito alle 22.00) presso il Bosco Sacro di Jesolo – Venezia in Via Ca’ Gamba, Settima Traversa, 3b.

In cosa consiste la celebrazione dell’Equinozio di Primavera nel rito della Federazione Pagana?

Consiste nel celebrare la nascita, ogni nascita ed ogni trasformazione soggettiva che, di fatto, è una nascita.

Nelle Antiche Religioni si divideva gli Esseri esistenti fra “mortali” e “immortali”, ma entrambi nascevano e entrambi erano mortali che divennero immortali contro coloro che ancora sono mortali, ma possono diventare immortali.

Nascere significa “trasformarsi”. Nascere significa lasciare il vecchio stato di essere per entrare in un diverso stato di essere.

La trasformazione è la crescita. Una crescita continua mediante la quale gli Esseri Viventi all’esperienza che ha contribuito ad essere ciò che sono, sommano la loro personale esperienza per diventare ciò che le loro azioni e le loro scelte li portano a diventare.

Celebrare la nascita non significa soltanto celebrare l’uscita di Persefone dai mondi oscuri, ma significa celebrare la nostra continua uscita da un’oscurità che limita la nostra esistenza.

Uscire dalla vagina di nostra madre, significa nascere.

Ma nasce l’albero quando esce dal seme e nasce il pulcino quando esce dall’uovo. Ma nasce l’uomo e la donna adulti quando escono dall’adolescenza esattamente come il bambino è nato alla morte del feto.

Nasce la conoscenza quando gli elementi dell’esperienza si calano nella struttura emotiva dell’uomo trasformandolo. Quando l’informazione viene fagocitata e tutta la ragione si ristruttura per inglobare i nuovi dati, i nuovi fenomeni, mediante i quali si può pensare il mondo in cui viviamo.

Nasciamo quando il corpo fisico muore perché abbiamo vissuto con passione. Non ci siamo sottomessi e abbiamo messo giustizia nelle nostre azioni contro il più forte che prevaricava il più debole.

Questo noi celebriamo con il rito dell’Equinozio di Primavera. Celebriamo noi stessi che in questo presente costruiamo il noi stessi che dovrà nascere alla fine di questo presente.


Claudio Simeoni